Matilde di Canossa

Matilde di Canossa

Firma di Matilde di CanossaFigura femminile di grande importanza nella storia del Medioevo europeo, Matilde di Canossa a soli sei anni si ritrova erede di un territorio che andava dagli odierni dal Lazio fino al Lago di Garda, strategico perché punto di passaggio obbligato sia per i Pontefici che dovevano insediarsi a Roma, sia per gli imperatori che a Roma dovevano essere incoronati.

Seconda cugina dell’imperatore Enrico IV, ma fedele seguace della Riforma della Chiesa portata avanti da Papa Gregorio VII, si ritrova al centro di uno scontro epocale per la lotta delle investiture tra Papato e Impero.

Per motivi politici si sposa con Goffredo il Gobbo e dovrà lasciare le sue terre per insediarsi nella patria del marito, la Lorena. Il matrimonio ha fine dopo pochi anni e Matilde potrà tornare dalla madre Beatrice in territorio italiano.

Assiste così all’inasprimento delle divergenze tra Papa Gregorio VII e l’imperatore Enrico IV, il primo deciso ad imporre la supremazia del papato su ogni potere terreno, il secondo pronto alla guerra per far valere i suoi diritti di sovrano assoluto.

Dopo la scomunica di Enrico IV, Matilde farà da mediatrice tra il sovrano ribelle e il papa presso il castello di Canossa, mostrando la sua ambivalenza dovuta alla fedeltà verso il cugino imperatore e il desiderio di essere una buona cristiana

L’umiliazione di Enrico IV è solo una mossa strategica di convenienza e la lotta riprenderà a breve.

Per il suo ruolo di intermediaria Matilde viene spogliata del titolo di Contessa e privata delle sue terre: è una donna sola, alcuni vassalli le si ribellano e, per difendere il suo feudo sotto attacco delle truppe imperiali, contrae un secondo matrimonio, anche questo infelice e fallimentare.

Solo nel 1111, con l’accordo di Bianello, le viene nuovamente riconosciuto il potere sui suoi domini e viene incoronata Vicaria Imperiale in Italia da parte del nuovo imperatore Enrico V. In cambio garantisce al tedesco l’eredità di tutte le sue proprietà.

Solo negli ultimi anni della sua esistenza Matilde potrà dedicarsi alla preghiera e alla religione tralasciata in gioventù per il suo ruolo politico.

Morirà vicino al tanto amato monastero di San Benedetto in Polirone e dal 1632 riposa a Roma nella basilica di San Pietro

Questo sito utilizza solo cookie tecnici propri e di terze parti per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Premendo il tasto "Accetto" o proseguendo la navigazione in altra maniera acconsenti all'uso dei cookie. Per avere maggiori informazioni sui cookies, leggete la nostra cookie policy.

Accetto i cookies da questo sito.